Matching Day e Investor Day chiudono il 2020 di Wylab: supporto a 22 startup, oltre 9 milioni raccolti, creati 120 posti di lavoro

Il 2020 di Wylab si chiude, nonostante le difficoltà, con un supporto continuo alle startup del network e con un lavoro quotidiano insieme ad alcune realtà.

  • Wylab ha collaborato con 22 startup in maniera continuativa (3 di queste straniere)
  • Wylab gestisce un portafoglio di 9 startup
  • Le startup hanno complessivamente raccolto ad oggi più di 9 milioni di euro
  • Sono stati creati più di 120 posti di lavoro
  • Wylab ha guidato la più importante exit in ambito sportech con Wyscout nel 2019

In un periodo fortemente condizionato dall’emergenza sanitaria, l’incubatore di Chiavari, che si conferma come il punto di riferimento dello sportech in Italia, ha focalizzato le proprie attenzioni sui processi di digitalizzazione e sul supporto alle startup del network, intensificando lo sviluppo del business e i vari rapporti di natura finanziaria. Non sono poi mancati i momenti formativi, così come l’assistenza nella ricerca dei capitali, e il tutto è culminato nelle iniziative di dicembre, ovvero il Matching Day e l’Investor Day.

IL MATCHING DAY
Sono state centosettanta, un numero assai importante, le persone che hanno partecipato all’edizione 2020 del ʻWylab Sports-tech Matching Day. Innoviamo lo sport. Insiemeʼ, ovvero l’evento digitale promosso da Wylab, il principale incubatore sport-tech italiano, con la collaborazione di Virtus EntellaIquiiSport Dots Fondazione Torneo Ravano / Coppa Paolo Mantovani.Il Matching day è, come dice la parola, il giorno in cui avviene l’incontro tra la potenziale domanda e l’effettiva offerta, cioè l’incontro tra le startup digitali e tutto l’ambiente sportivo, le aziende stakeholder e i vari mercati che già utilizzano o potrebbero migliorare le proprie attività grazie all’utilizzo delle nuove tecnologie.

È un momento conoscitivo per entrambi: sia per le startup che possono presentarsi attraverso la formula del pitch e dello speed dating, sia per la ricca e vasta platea dei soggetti destinatari. L’evento di Wylab è stato molto partecipato anche per questo motivo: perché c’è un grande e sempre più crescente bisogno di tecnologia all’interno dell’ambiente sportivo: siano esse società, federazioni, allenatori o anche singoli atleti.

Interessanti, in questo senso, le testimonianze portate all’incontro da chi già utilizza appieno le tecnologie: hanno parlato Matteo Matteazzi, direttore generale della Virtus EntellaFabio Lalli, CEO e founder di IquiiEmanuela Perinetti, general manager di Sport Dots, e Ludovica Mantovani, presidente della Divisione Calcio Femminile della Figc e presidente della Fondazione Torneo Ravano Coppa Paolo Mantovani.

Il CEO di WylabFederico Smanio, è molto soddisfatto della riuscita dell’evento e osserva: “È stato un gran bel momento di networking fra le startup sport-tech del nostro network, le organizzazioni sportive e le aziende del comparto, che ci auguriamo possa aver dato avvio a sinergie di business tra i vari attori presenti. Siamo molto soddisfatti perché la modalità di evento digitale ci ha consentito di replicare una vera e propria fiera di settore, con tutte le limitazioni del caso: sessioni parallele verticali su calcio, tennis e altri sport, palco principale con gli speaker prima e le startup multisport poi, sondaggi, chat e area networking. L’evento è il chiaro segnale della crescita di attenzione sui temi dell’innovazione e delle startup da parte dell’industria sportiva. Coincidenza vuole che il Matching Day di Wylab si sia svolto in contemporanea all’annuncio ufficiale del lancio di WeSportUp, l’acceleratore sport tech di Sport e Salute, Cassa Depositi e Prestiti in partenza nel 2021”.

Sono sedici le startup che hanno preso parte al matching day e tutte fanno parte – già da tempo o di recente – del network di Wylab: CoachingeasyPremoneoReplayerRestorative NeurotechnologiesSportclubbyThe Best EquityVISITpassCoachbetterGoleeMYSE – MySportExchangeNoisefeedWall Street FootballZone 7SportReTiNATennis CommanderTecne.

LE 16 STARTUP DEL MATCHING DAY
https://drive.google.com/file/d/1r1rOcajoNoNXjfYh5RU9KHoJaOnu_fmJ/view?usp=sharing

IL VIDEO CON LE CASE HISTORY DI SUCCESSO
https://youtu.be/SezXP97UvVg

I PITCH DELLE STARTUP MULTISPORT
https://youtu.be/M6qrWfx3b0Q

I PITCH DELLE STARTUP DEL CALCIO
https://youtu.be/eNLXo1qJvgk

I PITCH DELLE STARTUP DEL TENNIS
https://youtu.be/Un_ig2H2DOA

L’INVESTOR DAY
Nei giorni successivi al Matching Day, sempre online, è stato organizzato da Wylab l’Investor Day, ovvero l’incontro tra le startup e una platea di potenziali investitori. È un momento centrale nella vita di ogni startup, perché proprio reperendo risorse si possono realizzare i progetti presentati e si può far prendere il volo alla propria idea.

Stefano Tambornini, direttore dell’incubatore, sostiene: “L’Investor Day è l’occasione per rispondere al grande bisogno di reperimento di risorse finanziarie da parte delle startup, che ci proponiamo di agevolare tramite le nostre relazioni privilegiate con il mondo degli investitori. È il culmine del lavoro di supporto che l’incubatore svolge a servizio delle esigenze di fundraising delle startup, ma è solo la punta dell’iceberg di un’attività di contatto e relazione che ci vede impegnati tutto l’anno con i principali investitori istituzionali italiani, in particolare i fondi di Venture Capital, ma anche i Family office e i business angel che operano proprio nel segmento di mercato rappresentato dalle startup early stage, proprio quello che serviamo con il nostro incubatore. L’ecosistema delle startup italiane ha retto l’urto della crisi raccogliendo capitali per circa 690 milioni nel corso del 2020, non solo per la grande liquidità, ma per un sempre maggiore interesse sul settore e per la maturità delle startup stesse”.

Alla giornata hanno partecipato anche Antonio Gozzi, fondatore di Wylab, e Matteo Campodonico, ideatore e cofondatore di Wyscout: hanno spiegato come si costruisce un percorso virtuoso che può condurre a una exit di assoluto successo, come accaduto a Wyscout con il colosso americano Hudl. E poi Benjamin Penkert, fondatore di SportsTechX, il principale osservatorio dello sportech a livello internazionale. Penkert ha spiegato i trend positivi in atto nel settore, con livelli di investimento in startup sportive in costante aumento – nel 2020 si attestano a quota 20 miliardi di $ complessivi negli ultimi 5 anni.
All’Investor Day 2020 hanno partecipato le seguenti startup: Coach BetterGoleeNoisefeedSportclubbyTennis CommanderThe Best EquityWall Street FootballWesii Zone 7.

LE 9 STARTUP DELL’INVESTOR DAY
https://drive.google.com/file/d/1UUYHXwn6a_Ko9Mo1GIqHA-2d8rFCU_SC/view?usp=sharing


Comments are closed.